Il tavoliere

“Il chiarore infinito del grano…. il grido sordo del sole….      

                                                                    Giuseppe Ungaretti

L’area geografica chiamata Tavoliere delle Puglie, è una pianura di sollevamento (cioè una pianura che anticamente era sommersa dalle acque del mare) ampia circa 4.000 km quadrati e delimitata ad ovest dai Monti Dauni, ad est dal Gargano e dal Mare Adriatico, a nord dal fiume Fortore ed a sud dal fiume Ofanto.

Dopo la Pianura Padana, il Tavoliere delle Puglie è la seconda più grande pianura d’Italia. Essendo delimitata a nord ed a sud dai fiumi Fortore ed Ofanto, la pianura del Tavoliere talvolta – durante la stagione autunnale in particolare – è soggetta ad allagamenti causati dalle esondazioni dei suddetti corsi d’acqua; al contrario, durante la bella stagione la pianura soffre di una forte siccità.

La puglia
Tavoliere delle Puglie:

Le sagre

  • Deliceto, di solito entro la prima decade del mese di agosto, va in scena la Sagra delle orecchiette, un evento che come suggerisce il nome stesso, permette di gustare questa specialità pugliese, in un contesto sempre rinnovato, a cavallo tra storia e gastronomia, con buona cucina, musica, giochi ed intrattenimento a tema.
  • Troia, solitamente entro la fine della seconda decade del mese di agosto, si svolge la Sagra della Cotta Cotta, un appuntamento imperdibile per coloro i quali vogliano scoprire da una parte i tesori di questo centro e, dall’altra, anche per riuscire ad assaporare le più buone pietanze locali, tra percorso turistico e gastronomico ideato per deliziare il palato e lo spirito.
  • ad Ordona, entro la prima decade del mese di agosto, va in scena l’evento Avasc’ Cà Vinn’, una festa durante la quale si promuove il valore del riuso, del baratto e di tutte quelle buone abitudini che evitano gli sprechi e favoriscono lo scambio tra le persone, all’insegna della massima sostenibilità nella vita di tutti i giorni.
  • sempre ad Ordona, solitamente entro la fine del mese di ottobre, c’è l’appuntamento con la Sagra del Carciofo, un evento che celebra questo prodotto tipico locale che, per l’occasione, diventa oggetto di piccole conferenze e, al tempo stesso, di degustazioni e ricette che lo valorizzano in ogni sua caratteristica.
  • Cerignola, di consueto entro la fine di aprile, e più precisamente, anche in concomitanza con la festa della Liberazione, va in scena la Sagra della Fava e Pecorino, appuntamento in cui non mancano questi due prodotti tipici, oltre a tante occasioni di divertimento e di svago, tra musica, spettacoli, passeggiate e tanto altro ancora.
  • Bovino, entro gli ultimi cinque giorni di agosto, si svolge la Festa Popolare nel Borgo, un evento che mette insieme canti, balli, artigianato e pietanze locali, in un clima ricco di allegria.
  • San Paolo di Civitate, durante i primi giorni di agosto, si svolge la Sagra del Torcinello sanpaolese, un evento che ruota attorno a questa specialità locale di carne cotta alla brace, durante il quale si può anche gustare tanta musica.
La puglia
Tavoliere delle Puglie:

Cosa visitare

Tra il Subappennino Dauno ed il Gargano, le località del territorio pianeggiante del Tavoliere sono ai margini dei grandi flussi turistici della Puglia, ma ci sono luoghi che vale la pena scoprire.

  • San Severo: conserva un centro storico di impronta medievale con molti bei monumenti, tra cui la chiesa matrice di San Severino del XI secolo (posta sulla via Sacra Langobardorum), la cattedrale medievale di Santa Maria Assunta del XII secolo e altri edifici d’interesse storico e artistico.
  • Lucera: soprendente città d’arte posta a dominio del Tavoliere, con l’antico Anfiteatro Romano del I secolo, il Castello Svevo-Angioino costruito da Federico II nel XIII secolo e la grande cinta muraria con torri e bastioni di Carlo I d’Angiò, la splendida Cattedrale romanica del 1302 e molti altri monumenti e luoghi di interesse.
  • Troia: antichissima cittadina con molti tesori artistici, tra cui la straordinaria Concattedrale romanica del 1093 con il prezioso rosone ad undici raggi, considerata tra i principali edifici religiosi della Puglia.
  • Foggia: capoluogo della provincia, in posizione strategica sul Tavoliere, perfetta per visitare sia i bellissimi borghi della Daunia che le belle località del Gargano. Nonostante i duri bombardamenti subiti durante la Seconda Guerra Mondiale, conserva un importante centro storico con chiese e monumenti di epoca federiciana (tra cui il duomo del XII secolo) e molti edifici di valore storico e architettonico.
  • Cerignola: interessanti monumenti in questa cittadina in posizione strategica, crocevia di importanti strade e tratturi, nonostante le grandi perdite nel disastroso terremoto del 1731. Da vedere in particolare il borgo antico, chiamato Terra Vecchia.
  • Margherita di Savoia: splendida località del litorale, famosa per le terme ma soprattutto per le saline che non possiamo perdere di visitare, le più grandi d’Europa e le seconde nel mondo. È una meravigliosa zona umida di grande valore naturalistico, con una costa sabbiosa piena di stabilimenti balneari.
La puglia
Tavoliere delle Puglie:

Il Gargano

La stupenda penisola del Gargano in Puglia, meta turistica importante, ha tantissimi luoghi di interesse da vedere, dalle aree naturali che dal 1991 fanno parte del parco nazionale al litorale con spiagge di sabbia finissima, coste rocciose e grotte, ai tanti paesi di casette basse e bianche con le stradine strette e tortuose.

Vieste: pittoresca cittadina che sorge sull’estrema parte orientale del Gargano, di antichissima origine che fu colonia greca, municipio romano ed in epoca bizantina-medievale, sede vescovile con la costruizione della bellissima Cattedrale. Nel 1065 fu conquistata dai Normanni e nel 1240 Federico II fece costruire il castello sulla sommità del piccolo promontorio, da dove domina l’abitato, le spiagge e le belle colline ricche di vegetazione. Da vedere nelle vicinanze le numerose necropoli paleocristiane, il Santuario di Santa Maria di Merino e la spiaggia di Pizzomunno, celebre località balneare a poca distanza.

La spiaggia di Pugnochiuso in Gargano.

    • Pugnochiuso: sull’omonima baia della costa orientale del Gargano, è una località balneare frazione di Vieste, affacciata su un mare cristallino fra foreste di faggi, pini e olivi, con un centro vacanze molto attrezzato e dove praticare ogni attività fra mare e natura.
    • Peschici: un paese da fiaba a strapiombo sul mare, con la parte antica dell’abitato costituita da casette col tetto a cupola d’origine orientale ed un castello di origine medievale che faceva parte delle costruizioni difensive degli Svevi. Lungo la strada che porta alla baia sottostante, con la parte più moderna del paese dove si trova il porto turistico e la spiaggia dorata, vi sono grotte scavate nella roccia ancora oggi abitate, in un paesaggio davvero suggestivo.

Rodi Garganico in Puglia.

    • Rodi Garganico: su un promontorio roccioso tra ulivi e agrumi, pittoresca località balneare di antichissime tradizioni marinare. Nel 1538 ebbe il primo convento cappuccino del Gargano, che ancora oggi fa da corona al centro abitato carico di memorie storiche. Notevole il Santuario della Madonna della Libera, che deve la sua origine all’icona sacra trafugata dai Veneziani nel 1453 a Costantinopoli.
    • San Nicandro Garganico: è uno dei comuni più popolosi del promontorio del Gargano, in un territorio un po’ più interno rispetto alla costa a circa 224 metri sul mare, caratterizzato da duecento cisterne per la raccolta delle acque piovane. In posizione dominante sorge il castello di origine medievale normanno-svevo, poi divenuto dei feudatari Della Marra, con torri quadrate agli angoli a cui nei secoli furono aggiunti bastioni circolari. Nelle vicinanze si trovano alcune importanti grotte di origine carsica e sulla costa Torre Mileto, località che prende il nome dalla torre di avvistamento medievale tra i laghi di Lesina e Varano, il punto più vicino alle Isole Tremiti.

Marina di Lesina, sul lago in Puglia.

    • Laghi di Lesina e Varano: il lago di Lesina ha una superficie di 51kmq ed è separato dal mare da una fascia litoranea di circa un chilometro, con cui comunica attraverso due canali. È rinomato per la pesca delle anguille e lungo le sue rive sono venuti alla luce reperti archeologici del neolitico, dell’età del bronzo e del ferro.Anche il lago di Varano, di circa 36kmq è separato dal mare da una sottile striscia di dune sabbiose e collegato tramite due canali navigabili. È un lago molto pescoso alimentato da sorgenti subacquee e sulle sue sponde si pensa sorgesse l’antica città dauna di Uria, citata da molti importanti autori latini, che si crede sia stata sommersa dal lago in seguito ad un terremoto.

Monte Sant'Angelo in provincia di Foggia.

    • Monte Sant’Angelo: è uno dei luoghi più religiosi della Puglia ed anche fra i paesi più elevati, a 796 metri sul livello del mare. È famoso per il Santuario di San Michele Arcangelo, edificato intorno alla metà VI secolo in seguito alla miracolosa apparizione, con un caratteristico campanile ottagonale e le porte in bronzo fuse a Costantinopoli nell’XI secolo. Altro singolare monumento duecentesco, di fronte al campanile, è la Tomba di Rotari.Il castello con l’imponente torre pentagonale fu eretto verso la metà dell’XI secolo da Roberto il Guiscardo, fondatore del Regno di Sicilia, ed in seguito restaurato ed abbellito da Federico II. Altre opere di interesse architettonico sono la chiesa romanica di Santa Maria Maggiore, la chiesa di San Benedetto con l’annesso monastero, l’abbazia medievale di Santa Maria di Pulsano e la chiesa di Santa Maria degli Angeli.

Foresta Umbra nel Parco Nazionale del Gargano.

    • Foresta Umbra: circa 12mila ettari di foresta nella parte centro-orientale del Gargano, attraversata da 23km di strade, una fitta rete di sentieri pedonali per gli amanti dei boschi e del trekking, lungo tracciati di interessante valore naturalistico. In questo territorio crescono faggi, aceri, abeti, cerri, mentre digradando verso il mare prevale la macchia mediterranea con pini, cipressi, lentischi, tigli, lecci. Tra la fauna prevalgono i caprioli, daini, cervi e tantissime altre specie animali, in particolare fra gli uccelli.
    • San Giovanni Rotondo: meta di pellegrinaggi da ogni parte del mondo, la sua storia religiosa comincia con l’arrivo Padre Pio da Pietralcina al Convento dei Cappuccini. Gran parte del flusso turistico è dovuto alla devozione per il santo e si concentra nella Chiesa di Santa Maria delle Grazie e nella cripta dove si trovano le sue spoglie, ma sul territorio sono presenti molte altre chiese ed edifici di origine medievale e di epoche più recenti.

Manfredonia in Puglia.

  • Manfredonia: cittadina marittima fondata nel 1256 da re Manfredi, ha un ottimo porto e belle spiagge che si sviluppano lungo la costa. Tra i suoi monumenti sono notevoli il Castello Angioino e la chiesa di San Domenico, ma nei dintorni non bisogna perdere l’antica località di Siponto, oltre che per le bellissime spiagge anche per la zona archeologica, per le chiese romaniche di Santa Maria Maggiore di Siponto (con cripta del X secolo) e San Leonardo di Siponto.
Translate »
Torna su